Cédric Laubscher


CLaubscher_box

Visual designer, Cédric Laubscher è un regista a tutto tondo, che predilige l’estetismo, sia visuale che sonoro, e le emozioni. Con al suo attivo la regia di una ventina di spettacoli, è intransigente sull’interpretazione dei testi che approccia, sulla cura degli effetti luce, sulle musiche e suoni abbinati alle sue creazioni ed in particolare al loro ritmo.

Nel 2012, Cédric Laubscher ha realizzato Le Dernier train – L’ultimo treno, vincitore del Gran Premio della Giuria al Festival de Cahors. Nel corso di questi ultimi due anni, ha lavorato su Potestad, di Eduardo Pavlovsky, e Moi, Ota, Rivière d’Hiroshima di Jean-Paul Alègre (testo non tradotto in lingua italiana), con la Compagnie TA58. Queste tre performance sono attualmente in tournée in Svizzera, a Parigi, in diversi festival francesi, in Belgio e in Italia.

Negli anni ha realizzato laboratori e stage teatrali; molte le creazioni e le messe in scena rappresentate, tra queste:

2001 Quelle Famille, création.
2002 L’amour fou, création.
2003 La Soupière, création.
2004 Les Têtes à Claques, création.
2005 Un Hôpital pour Six Francs, création.
2007 Deux sur la Balançoire, création.
2008 L’Appartement, création.
2009 Dans une Autre vie, création.
2012 Le Dernier Train, création.
2013 Atelier de mise en scène sur « le Dernier train » TVI studio, Los Angeles, Californie.
2014 Potestad, création.
2015 Moi, Ota, Rivière d’Hiroshima, création.
2016 Stage TeatroLab, Reggio Emilia, Italie
2016 Stage Masterclass, Oujda, Maroc